Economia e Lavoro > Marketing

Strategie di marketing sul colore

Nel grande capitolo della 'brend identity strategy', cioè la creazione di un mood importante attorno al proprio marchio, alla propria persona, identità commerciale, il colore ha una sua importanza da non sottovalutare.

Un'identità costruita nei dettagli

Nella società dell'E-commerce 2.0, nel quale i clienti mostrano scrupoli diversi rispetto al passato, il valore della 'brend identity strategy' assume i connotati di una ricerca specifica al fine di creare un alone di personalità attorno ad un marchio, ad negozio ed al suo arredo interno, ad un concept che non sia casuale.
La clientela del terzo millennio forse guarda più all'apparenza che alla sostanza, ciò richiederebbe una seria analisi sociale, ma non è questa la sede, ora focalizziamoci attorno al concetto di implementare strategie estetiche che denotino la personalità del brend e ne mettano in risalto i punti di forza.
Tra le tanti possibilità d'analisi e intervento il colore ha una suo valore non solo simbolico.
Tutti sanno quanto sia importante la cromo-sociologia, cioè il comportamento di alte percentuali della popolazione, in diversi ambienti, rapportato al colore di pareti, pavimentazioni, arredi.
Non è casuale che nei centri del relax, le famose Spa, spesso la cromoterapia sia il primo impatto del cliente all'interno di strutture votate al relax ambientale, alle luci soffuse e tenui, alternando colori delicati e non invasivi per generare a livello psicologico un primo impatto gradito e pertinente.

Il colore di un ambiente come biglietto da visita

Parlare quindi di una strategia di marketing legata al colore è pertinente e non casuale: l'arredo di un ambiente commerciale non può avere una personalità definita se i colore delle pareti, dei quadri appesi, di ogni singolo complemento, non si armonizza nella struttura e il complesso deve esaltare l'identità dell'esercizo, del titolare, del team che lavora in uno studio commerciale, negozio etc.
In poche parole il rapporto con il cliente inizia nel momento stesso in cui il cliente entra nell'ambiente in cui si rivolge e l'impatto, il 'coup de foufre' è determinante nella predisposizione o meno nel continuare il rapporto.

Una suggestiva successione cromatica

La suggestione cromatica dell'ambiente stimola particolari foto-recettori collegati direttamente al cervello che a livello subliminale stimolano l'emotività del cliente, un aspetto da non sottovalutare.
Il prodotto venduto è l'ultima delle analisi a livello psicologico, una progressione che inizia proprio dal primo impatto visivo ed empatico.
Ciò vale non solo per gli arredi ma per tutto ciò che ruota attorno al brend di riferimento: anche il packaging del prodotto stesso influirà positivamente o negativamente nella predisposizione ad un proseguo del rapporto tra cliente e venditore.
Per essere specifici, nelle ultime ideazioni di packaging relative alla cosmetica, i colori predominanti sono solitamente i pastelli, tra cui i verdi tenui, le lavande, il glicine, il rosa, tutti colori che a livello subliminale ricordano i campi provenzali, i ricordi sfumati della nonna, i fiori di campo, il relax.
E' solo un esempio ma perfettamente applicabile in ogni strategia di marketing.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Mercato immobiliare, che contraddizione: calano le compravendite ma non i prezzi

Chi prevedeva un brusco calo dei prezzi delle abitazioni a causa del Covid si è dovuto ricredere

Subito dopo essere usciti dalla fase critica della pandemia, è cominciata la conta dei danni settore per settore.
Una conta parziale, perché se è vero che abbiamo superato la fase più acuta della crisi sanitaria, non possiamo dire di esserne ancora fuori.
Tra i settori più colpiti c'è anche il "real estate", ovvero il mercato immobiliare.
Secondo il report di S&P Global, l'impatto del coronavirus sui mercati real estate europei avrebbe dovuto inn [...]

Continua a leggere

Imprese agricole, la svolta digitale aprirà una nuova frontiera produttiva

I benefici della digitalizzazione per il settore primario possono essere enormi, per questo Confagricoltura s'è attivata per superare il digital divide

La digitalizzazione rappresenta il futuro anche nel settore primario dell'economia, ovvero quello dell'agricoltura.
Un discorso che vale tanto per le grandi organizzazioni del settore, quanto per le tantissime piccole imprese agricole, nonché quelle che forniscono servizi tecnologici smart.
La digitalizzazione delle imprese agricole La dimostrazione di quanta attenzione ci sia rispetto a questa rivoluzione produttiva giunge proprio da Confagricol [...]

Continua a leggere

Consumi, trasformazione radicale a causa di Covid-19. Boom dell'ortofrutta

Le misure di contenimento per arginare i contagi hanno spinto le persone a cambiare il proprio stile di vita

Gli effetti negativi della pandemia sono sotto gli occhi di tutti, anche perché sono pesantissimi.
Un crollo del PIL senza precedenti recenti, una raffica di chiusure e fallimenti, un incremento del ricorso alla CIG e circa un milione di posti di lavoro ancora a rischio.
Roba che fa impallidire quei piccoli effetti positivi che pure la pandemia ha avuto.
Ad esempio, un incremento dei consumi di frutta e verdura.
Ciò che normalmente dovrebbe esser [...]

Continua a leggere