Edilizia e Costruzioni

Sviluppo urbano: ecco Arcosanti, la città che fonde ecologia e architettura

Una micro-cittadina dell'Arizona cerca di minimizzare il consumo energetico, di territorio e di materie prime

Gli abitanti di Arcosanti (Arizona) sono convinti che l'unico modo per arginare in modo efficace il surriscaldamento climatico, sia cambiare la nostra prospettiva riguardo al pianeta e allo sviluppo urbano. E' per questo che dagli anni 70 stanno portando avanti un nuovo concetti di città, che non mette l'uomo al centro bensì lo pone sullo stesso livello dell'ambiente che abita.

Lo sviluppo urbano di Arcosanti

In climatologia l'espressione "global warming" (il surriscaldamento planetario) sta ad indicare il mutamento del clima innescato dalle emissioni di crescenti quantità di gas serra. Il problema è stato oggetto di numerosi intorni tra le massime istituzioni planetarie, ma anche di focus dedicati da Governi e media. Un recente dossier dell'emittente svizzera RSI, evidenzia la necessità di un cambiamento di prospettiva nello sviluppo urbano, se si vuole davvero affrontare in modo efficace il problema, se vogliamo salvare il pianeta salvando al contempo noi stessi. Bisogna cioè iniziare a concepire il pianete non più come un oggetto da possedere e dominare, ma come bellezza da custodire, rispettare e onorare.

Ed è proprio così che è nata Arcosanti, in Arizona. E' più di una micro-cittadina, ma un laboratorio urbano in cui si cerca di minimizzare il consumo energetico, di territorio e di materie prime, massimizzando invece l’interazione umana, il contatto con la natura e la facilità di spostamento. Sposa in pieno quel cambio di prospettiva che ha un che di filosofico: abbandonare l’antropocentrismo nello sviluppo urbano, a favore di una concezione di uomo come organismo responsabile della sua conservazione.

La nascita della "arcologia"

Siamo all'arcologia, da non confondere con la archeologia. L'arcologia è la fusione dell'architettura e dell'ecologia. il coniatore di questo termine è un italiano, l'architetto e filosofo Paolo Soleri (deceduto nel 2013), che partì da Torino alla volta dell'Arizona nel 1956 dove, dopo un periodo di apprendistato, lavorò alla sua idea di città in rapporto con la natura. Arcosanti venne costruita a partire dal 1970, e da quel momento è stata sempre ampliata dai suoi abitanti, in ossequio ai reali bisogni di spazio e alle reali disponibilità finanziarie.

Al momento conta una settantina di persone, mentre molti di più sono gli studenti e i turisti che la visitano regolarmente. Arcosanti infatti non è solo una città in costruzione, ma anche un’esperienza di vita che mira a trasmettere il valore di abitare saggiamente la casa e la natura.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

I principali legni utilizzati per porte e serramenti

Casa nuova? Necessità di rinnovare? Tra i dilemmi più ricorrenti uno riguarda il materiale da utilizzare per la realizzazione di porte e serramenti.
Qualora li vogliate di legno, si apre dinanzi ai vostri occhi un'infinità di alternative.
Esaminiamo ora nel dettaglio alcune tra le tipologie più comuni e consigliate.
  Il legno di castagno Il castagno è una pianta arborea dalla cima rigogliosa e tondeggiante: la sua altezza varia dai 10 ai 30 metr [...]

Continua a leggere

Fonderie Evolution

Stampi Pressofusione Alluminio ad Ancona

Fonderie Evolution è un’azienda impegnata nel settore degli stampi pressofusione alluminio e pressofusione leghe leggere con sede a Castelfidardo, in provincia di Ancona.
Questa importante realtà del settore ha maturato grande esperienza in questo ambito ed è in grado di soddisfare in maniera efficace le necessità individuali dei clienti tramite la progettazione e realizzazione di stampi pressofusione di grande qualità, perfetti per realizzare og [...]

Continua a leggere

Cosa sta facendo l’edilizia contro i cambiamenti climatici?

Il clima cambia, in peggio: dobbiamo farcene una ragione. Ma non dobbiamo rassegnarci a soccombere: è ora di mutare radicalmente il modo di vivere, consumare, costruire.

Il clima sta cambiando, nonostante c’è ancora chi sostiene il contrario: non è a rischio la vita del pianeta, ma quella degli esseri umani.
Tutti, nel nostro piccolo, dobbiamo fare qualcosa per fermare il declino e garantire alle generazioni future una vita degna di essere vissuta e risorse sufficienti.
Ma soprattutto, dobbiamo insegnare alle nuove generazioni a non compiere gli sbagli che abbiamo fatto noi: dobbiamo tramandare l’etica del vivere [...]

Continua a leggere