Edilizia e Costruzioni

Sviluppo urbano: ecco Arcosanti, la città che fonde ecologia e architettura

Una micro-cittadina dell'Arizona cerca di minimizzare il consumo energetico, di territorio e di materie prime

Gli abitanti di Arcosanti (Arizona) sono convinti che l'unico modo per arginare in modo efficace il surriscaldamento climatico, sia cambiare la nostra prospettiva riguardo al pianeta e allo sviluppo urbano. E' per questo che dagli anni 70 stanno portando avanti un nuovo concetti di città, che non mette l'uomo al centro bensì lo pone sullo stesso livello dell'ambiente che abita.

Lo sviluppo urbano di Arcosanti

In climatologia l'espressione "global warming" (il surriscaldamento planetario) sta ad indicare il mutamento del clima innescato dalle emissioni di crescenti quantità di gas serra. Il problema è stato oggetto di numerosi intorni tra le massime istituzioni planetarie, ma anche di focus dedicati da Governi e media. Un recente dossier dell'emittente svizzera RSI, evidenzia la necessità di un cambiamento di prospettiva nello sviluppo urbano, se si vuole davvero affrontare in modo efficace il problema, se vogliamo salvare il pianeta salvando al contempo noi stessi. Bisogna cioè iniziare a concepire il pianete non più come un oggetto da possedere e dominare, ma come bellezza da custodire, rispettare e onorare.

Ed è proprio così che è nata Arcosanti, in Arizona. E' più di una micro-cittadina, ma un laboratorio urbano in cui si cerca di minimizzare il consumo energetico, di territorio e di materie prime, massimizzando invece l’interazione umana, il contatto con la natura e la facilità di spostamento. Sposa in pieno quel cambio di prospettiva che ha un che di filosofico: abbandonare l’antropocentrismo nello sviluppo urbano, a favore di una concezione di uomo come organismo responsabile della sua conservazione.

La nascita della "arcologia"

Siamo all'arcologia, da non confondere con la archeologia. L'arcologia è la fusione dell'architettura e dell'ecologia. il coniatore di questo termine è un italiano, l'architetto e filosofo Paolo Soleri (deceduto nel 2013), che partì da Torino alla volta dell'Arizona nel 1956 dove, dopo un periodo di apprendistato, lavorò alla sua idea di città in rapporto con la natura. Arcosanti venne costruita a partire dal 1970, e da quel momento è stata sempre ampliata dai suoi abitanti, in ossequio ai reali bisogni di spazio e alle reali disponibilità finanziarie.

Al momento conta una settantina di persone, mentre molti di più sono gli studenti e i turisti che la visitano regolarmente. Arcosanti infatti non è solo una città in costruzione, ma anche un’esperienza di vita che mira a trasmettere il valore di abitare saggiamente la casa e la natura.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Studio di progettazione: cosa cambia nel progetto di fattibilità per gli appalti pubblici

Il processo edilizio di un’opera pubblica si suddivide in una serie di fasi cui la progettazione rappresenta quella iniziale e il progetto di fattibilità tecnica ed economica (ex progetto preliminare) il punto di partenza.    Progetto di fattibilità: cosa dice il Nuovo Codice Appalti   La progettazione, ossia la fase in cui vengono individuate le caratteristiche ed il contenuto dell’opera, in materia di lavori pubblici si articola, secondo tre li [...]

Continua a leggere

Sismabonus per l’acquisto di case antisismiche: novità della Legge di Bilancio 2020

Che cos’è il Sismabonus e chi ne può beneficiare? Con la Legge di Bilancio 2020 ci sono alcune novità interessanti da valutare.

L’articolo 46-quater del DL 50/2017 ha esteso il Sismabonus anche agli acquisti di unità immobiliari antisismiche, non soltanto agli interventi di messa in sicurezza.
Chi compra unità immobiliari in uno dei Comuni in zona a rischio sismico 1, 2 o 3 può beneficiare di una detrazione del 75% o dell’85% del prezzo di vendita, fino a un imposto massimo di 96mila euro, purché l’immobile sia ceduto, entro i 18 mesi dalla fine lavori, dall’impresa di co [...]

Continua a leggere

Condizionatori su misura, un lavoro da professionisti

Per avere prestazioni ottimali e risparmiare sul costo dell’energia, un impianto di climatizzazione industriale dovrebbe essere realizzato su misura!

Installare un impianto di climatizzazione in un capannone industriale non è esattamente come installarlo in casa: per fare in modo che l’impianto funzioni e renda al massimo, occorre che venga effettuato uno studio dell’ambiente e delle sue necessità, per poi letteralmente progettare un impianto che possa rispondere alle esigenze ambientali e di lavoro.
Condimax Impianti Srl, leader in Italia per la progettazione e lo sviluppo di sistemi di condi [...]

Continua a leggere