Economia e Lavoro > Finanza

Trading Online: un nuovo modo di guadagnare tramite la rete

L’economia mondiale in questo periodo sta vivendo una rivoluzione interna con la nascita di nuove strategie di guadagno, una di queste è il Trading Online: ma cos’è veramente?
Si tratta di un nuovo tipo di commercio finalizzato alla compravendita di strumenti finanziari attraverso internet. Questo sistema commerciale è nato nel 1999 ed è regolato dalla Consob, cioè la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa.
In questo difficile periodo economico sempre più persone preferiscono affidarsi a nuovi sistemi lavorativi che permettono un guadagno autonomo, che cambia di volta in volta in base al proprio impegno e alle proprie capacità. 
Le principali azioni di questo nuovo sistema di mercato sono la negoziazione, tecnicamente conosciuta come Trading, la pianificazione e le conseguenti analisi di vantaggi e svantaggi incentrate soprattutto sull’andamento dei titoli.
Tutto quello che serve per avviare la propria attività sono un pc e la connessione a internet, cosi da poter avere accesso immediato a quel sistema di guadagno dove è possibile acquistare e vendere azioni, obbligazioni, titoli di stato o altri strumenti finanziari di questo tipo.
La convenienza sta nel bassissimo costo delle commissioni richieste, oltre alla possibilità concessa al potenziale investitore di informarsi come meglio desidera sull’andamento dei titoli prima di procedere con il loro acquisto.
Guadagnare online oggi diventa sempre più semplice grazie alle guide di mercato di Trader Online, sempre attiva e costantemente aggiornata sulle esigente e novità di mercato.
Tra le regole basilari del mercato digitale quella più importante prevede l’apertura di un conto online, attraverso le società internazionali tecnicamente conosciute come broker.
Per i più facoltosi che vogliono ottenere rapidamente dei guadagni vengono consigliate le opzioni binarie, che si basano sulla stipulazione di contratti a scadenza oraria o giornaliera e sulla previsione al termine del contratto. Questo sistema permetterà loro di aggiudicarsi un guadagno proporzionato all’investimento.
Con questa nuova esperienza di mercato online il guadagno del nuovo “commerciante” non è solo possibile ma diventa in primis reale. Il compenso monetario diventa sempre più alto in base a quello che viene investito, ma non bisogna dimenticare che ci sono altissimi rischi di perdita del proprio capitale. Ovviamente tutti i guadagni ottenuti saranno soggetti alla regolare tassazione imposta dal governo, che prevede delle trattenute pari al 26%.
Per chi vuole impegnarsi attivamente in questi nuovi sistemi di commercio la cosa più importante da fare è quella di affidarsi alle piattaforme online, che aiutano a facilitare il lavoro effettuandolo in modo sicuro e dinamico.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere