Ambiente e Natura

Traffico illecito di rifiuti sanitari a Roma

Altra brutta notizia per la Capitale italiana. Secondo quanto si legge sul sito di ‘Repubblica’, la Direzione distrettuale antimafia ha chiesto il rinvio a giudizio per dieci persone accusate di traffico illecito nello smaltimento dei rifiuti a Roma a livello sanitario. Le accuse verso questa gente sono piuttosto pesanti dato che non si parla soltanto di traffico illecito ma anche di truffa aggravata, associazione a delinquere e frode in pubbliche forniture. Il tutto è venuto fuori dalla conclusione delle indagini che sono state condotte dal reparto di investigazione della polizia ambientale e forestale del Corpo forestale dello Stato del Comando provinciale di Frosinone, in collaborazione con il procuratore aggiunto di Roma Rodolfo Sabelli e il sostituto procuratore di Frosinone Barbara Trota.

 


Le motivazioni dell’accusa e i movimenti illeciti


Il tema trattato è piuttosto delicato trattandosi di smaltimento di rifiuti sanitari dei diversi ospedali presenti nella Regione Lazio. Gli ospedali in questione sono quelli di Cassino, Sora, Rieti, Pontecorvo, Frosinone, il Policlinico Umberto I e il Policlinico Casilino presenti a Roma. Secondo quanto riferito dalla parte accusante, la società che era incaricata di smaltire i rifiuti cedeva una corposa quantità di flaconi di medicinali ancora ripieni del prodotto originale a una società di Frosinone, complice della prima, classificandoli nella categoria non pericolosi. Nel particolare, in alcuni degli ospedali appena menzionati, l’intero quantitativo di vetro raccolto dagli scarti di tutti i reparti veniva smaltito attraverso un unico cassone del camion, mettendo a repentaglio la salute di quelle persone che ne sarebbero potute entrare in contatto. Ma non soltanto il vetro, anche materiale piuttosto nocivo come siringe, guanti in lattice, deflussori e altra roba spesso contaminata da sangue è stata ritrovata accanto al vetro pronta ad essere smaltita allo stesso modo. Dietro tutto ciò, come detto, ci sarebbero anche i reati di truffa aggravata da parte della società incaricata allo smaltimento dei rifiuti nei confronti degli ospedali, in quanto veniva modificato il peso degli stessi scarti all’insaputa di questi ultimi e con la complicità dell’azienda di Frosinone. Secondo la Dda, affinché questo meccanismo criminoso potesse funzionare correttamente, è stata necessaria l’esistenza di un’associazione a delinquere che metta a disposizione dello stesso gli impianti e le strutture necessarie nelle quali poter esercitare la truffa. Infine, al Policlinico Umberto I, la società che gestisce l’appalto si è permessa di smaltire anche quella categoria di rifiuti che non era compresa negli accordi previsti dal contratto, e che in teoria doveva spettare all’Ama. In questo modo sarebbero derivati introiti per la stessa società in maniera illecita, creando danni per la stessa azienda sanitaria locale.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il cibo umido per cani di qualità

Molti di noi oggigiorno hanno un cane in casa, e di sicuro tutti ci siamo posti la domanda di quale sia il cibo migliore da dare al nostro cane, che sia arrivato da noi quando era un cucciolo oppure che sia già adulto, dato che siamo noi che gli forniamo il cibo dato che non può procurarselo da solo perchè vive in casa o in appartamento.
Qual è il miglior cibo per cani? La risposta a questa domanda dipende dal tipo di cibo che stai cercando e dal [...]

Continua a leggere

Tutto quello che c'è da sapere sui pannelli solari

I pannelli solari sono una forma sicura e totalmente sostenibile per accumulare energia.
Con il tempo, questa tecnologia si è sviluppata e migliorata,  tanto che il tasso di  installazione di pannelli solari sta aumentando di anno in anno anche in Italia.
L’investimento iniziale di acquisto e posizionamento è infatti molto basso, e si ha la sicurezza di avere energia sufficiente per riscaldare l’acqua sanitaria.
Analizzando più nello specifico gl [...]

Continua a leggere

Il fiume Tevere - Un lungo viaggio dalla Romagna

Un fiume storico che ha accompagnato una grande civiltà

Il lungo viaggio Il prestigioso fiume che tutti noi siamo soliti associare alla Capitale trova origine nell’Appennino tosco-romagnolo.
È dal Monte Fumaiolo infatti che esso sfocia per giungere fino a Roma; con i suoi 405 km di lunghezza è il terzo fiume più lungo d’Italia.
Ora che abbiamo dato un’occhiata “da lontano”, scendiamo più nel dettaglio per conoscere da vicino la storia di questo fiume incredibile.
Le origini del nome La storia ci racco [...]

Continua a leggere