Economia e Lavoro > Finanza

Trattato commerciale UE-Mercosur, svolta storica o polpetta avvelenata?

A fine giugno è stato raggiunto uno storico accordo tra la UE e Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay

Dopo quasi vent'anni di trattative, l'UE e i paesi del Mercosur (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay) sono molto vicini a firmare un trattato commerciale, che creerà un mercato di 780 milioni di persone.

Vent'anni per un trattato commerciale

A fine giugno infatti è stato raggiunto a Bruxelles un accordo che aprirà le porte dell'Europa a un mercato di oltre 260 milioni di persone e ad un PIL che rappresenta l'80% dell'America latina. In una fase in cui sono le tensioni commerciali internazionali a tenere banco (USA-Cina), la UE decide invece di procedere in un'altra direzione. L’accordo rimuoverà gran parte dei dazi sulle esportazioni Ue nel Mercosur. Parliamo del settore auto (che oggi ha tariffe al 35%), componenti di automobili (14-18%), macchinari (14-20%), prodotti chimici (fino al 18%), prodotti farmaceutici (fino al 14%), abbigliamento e calzature (35%) o tessuti a maglia (26%).

Questo potrebbe tradursi in un risparmio per le imprese europee di oltre 4 miliardi di euro all’anno (dati Commissione Ue).

Per arrivare al trattato commerciale si è dovuto lavorare dal 2000. Nel corso di questi vent'anni si sono avute fasi di accelerazione e improvvise frenate. Ci sono voluti ben 39 round negoziali. L'accordo dovrà adesso ottenere l’approvazione definitiva degli Stati Ue e dell’Europarlamento. Si tratta di un passaggio complesso, perché non tutti sono convinti delle bontà della cosa.

La polpetta avvelenata

Alcuni paesi europei, e in special modo la Francia, rimangono scettici su questo trattato commerciale. Lo ritengono infatti una poletta avvelenta. Il timore dei transalpini è che in questo modo si possano spalancare le porte a una impennata di importazioni di carne bovina sudamericana. La svalutazione di molte valute sudamericane infatti rende più economiche le importazioni di prodotti locali. Inoltre le previsioni sul cambio euro real, ma anche con il peso argentino sono ancora favorevoli alla moneta unica. Ma anche alcuni Stati del Mercosur avevano delle perplessità. Ad esempio sull'apertura al mercato del settore automobilistico, da sempre strategico.

Senza considerare la forte pressione dei gruppi ambientalisti. Alle ultime elezioni europee hanno conquistato maggiori spazi e quindi maggiore voce in capitolo, e riguardo all'intesa col Mercosur ritengono che potrebbe portare a una intensificazione della deforestazione del Sud America.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Zucchero dolce al palato, ma quanto è amaro il suo mercato

Prezzi in profondo rosso per il dolcificante più famoso al mondo. Colpa dell'eccesso di offerta

Tra le tantissime commodity sulle quali gli investitori tengono i fari accesi, l'attenzione negli ultimi tempi è molto focalizzata sullo zucchero.
I prezzi del dolcificante più noto al mondo stanno sprofondando, schiacciati da un’offerta ingente, che squilibra il mercato.
Mercato squilibrato verso l'offerta Sul mercato delle commodities, i futures sullo zucchero bianco sono in calo per il settimo mese consecutivo.
Ormai i prezzi si stanno avvicin [...]

Continua a leggere

Soldi virtuali, anche Facebook finisce nel mirino per via di Libra

Il vuoto normativo che riguarda le valute virtuali preoccupa le autorità monetarie

Qualche tempo fa, il colosso social Facebook scosse i mercati annunciando l'intenzione di lanciare i propri soldi virtuali.
La valuta digitale - col nome di Libra - che dovrebbe vedere la luce nel 2020, finora però non ha incassato grandi consensi.
Anzi più che altro ha ricevuto diversi avvertimenti minacciosi.
Le critiche ai soldi virtuali e a Facebook Il primo arrivò ad inizio estate dalla coppia Powell (capo della Federal Reserve) e Trump (pre [...]

Continua a leggere

L'authority europea ESMA boccia l'Italia: da noi gli investimenti sono troppo costosi

L'organismo UE che vigila sui mercati e sulla sicurezza finanziaria evidenzia le lacune dell'Italia

Per la prima volta l'autorità Europea per la sciurezza e i mercati (ESMA) ha sviluppato un rapporto che fotografa la situazione degli investimenti retali del Vecchio Continente, destinati alla clientela individuale.
Questa sorta di check-up è arrivato a una bocciatura pesante dell'Italia, che risulta molto indietro rispetto ad altri paesi UE.
L'indagine ESMA sui prodotti finanziari I risultati di questa indagine - voluta dalla Commissione Europea [...]

Continua a leggere