Salute e Benessere

Tuttocialde: caffè amico della memoria e ... non solo!

Nessun altra bevanda ci aiuta ad affrontare la giornata come una tazza di caffè!  Vi siete mai chiesti perché il caffè, rito quotidiano e momento di socializzazione, riesce a darci tutta questa energia? Da sempre la medicina ne studia componenti e proprietà. In passato veniva prescritto come un vero medicinale e acquistato in farmacia.

Un recente esperimento dei ricercatori dell'Università di Innsbruck ha dimostrato che il caffè aumenta la capacità di trattenere informazioni a breve termine. La caffeina, contenuta anche in altre bevande (tè, cioccolata, bevande gassate ed energetiche), è infatti una delle sostanze con maggiori capacità di stimolare il sistema nervoso e le zone del cervello deputate alla memorizzazione, incrementando nel contempo prontezza dei riflessi e lucidità. La caffeina agendo sul sistema nervoso centrale aumenta inoltre la resistenza alla fatica e al sonno.

Se gli amanti del caffè vengono confortati dai numerosi effetti positivi del caffè sulle capacità mentali, vero è che occorre prestare attenzione alle dosi e al tipo di caffè che si sceglie di consumare. Il caffè espresso tradizionale che impiega la polvere di caffè sfusa o le capsule predosate di tuttocialde è il metodo di preparazione che, con un ridotto apporto di caffeina (caratteristica particolare della qualità Arabica), garantisce maggiore gusto ed un equilibrato effetto stimolante.

Altro componente del caffè con effetti positivi sulla salute è l'acido clorogenico, ricco di sostanze antiossidanti in grado di contrastare la formazione dei radicali liberi, responsabili dell'invecchiamento.
Da un punto di vista nutrizionale il caffè è quasi del tutto privo di calorie, fatta eccezione per quelle dello zucchero impiegato per dolcificarlo. Composto quasi completamente da acqua, contiene piccolissime percentuali di grasso, proteine, vitamine, sali minerali, fitosteroli e amminoacidi.

I fitosteroli, in particolare, sono grassi di origine vegetale presenti anche nella frutta secca, negli oli di origine vegetale, nei cereali e nei legumi, capaci di ridurre l'assorbimento del colesterolo a livello intestinale.

La caffeina è un valido aiuto soprattutto per chi sostiene elevati ritmi di studio, perché favorisce apprendimento e concentrazione. Utilizzate le pratiche dosi di tuttocialde : poco tempo per percepire tutti i benèfici effetti di un buon caffè!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Depressione negli anziani, i sintomi che aiutano a riconoscerla

Individuare la depressione negli anziani è spesso complesso soprattutto perché non amano parlare del loro stato d’animo o delle loro preoccupazioni.
Non è raro che affermino di stare bene quando si chiede loro se si sentano tristi o depressi anche quando effettivamente è così.
Spesso tutto ciò accade perché gli anziani non vogliono essere un peso per le persone che amano e preferiscono affrontare da soli le loro battaglie.
La depressione per gli [...]

Continua a leggere

Declino cognitivo anziani: il test del disegno dell’orologio

Un semplice test da poter fare a casa per verificare la salute mentale di una persona anziana

Il test del disegno dell’orologio è un semplice test che viene utilizzato spesso per diagnosticare la presenza di problemi neurologici nelle persone e, in particolare, negli anziani la presenza di demenze o Alzheimer.
In ambito medico viene utilizzato in combinazione con altri test volti a uno screening più approfondito ma anche se utilizzato da solo può riuscire a fornire indicazioni molto utili sulle abilità cognitive di una persona.
Come viene [...]

Continua a leggere

Ciclo abbondante e lungo in premenopausa? Scopriamo qualcosa di più

Siamo in premenopausa e non ne siamo sicure? Il nostro ciclo è irregolare ma non siamo ancora in un’età a rischio? In questa situazione la cosa migliore che possiamo fare è rivolgerci al nostro medico o ginecologo di fiducia, che certamente saprà informarci a dovere su cosa stia realmente capitando al nostro corpo e quali esami è importante eseguire per approfondire la causa di tali sintomi.
Tuttavia alcune piccole informazioni possono aiutarci a [...]

Continua a leggere