Società > No Profit

Un mondo migliore attraverso il 5 per Mille: a chi dare questo aiuto?

Le difficoltà del mondo ci mettono davanti, ogni giorno, a realtà vicine e lontane contrassegnate da fame, guerra, violenze e malattie<strong>. Che siano vicini o lontani, sempre più persone hanno bisogno di un aiuto concreto per superare le catastrofi dei conflitti, la morte di cari causata da malattie o la violenza che sono costretti a subire quotidianamente</strong>. Come è possibile per noi, nel nostro piccolo, contribuire a rendere la vita di molti di loro sostenibile, donando la speranza di un futuro migliore? Il 5 per mille è una delle possibili risposte. <a href="http://5x1000.legadelfilodoro.it/" target="_blank">A chi dare il 5 per mille</a> diventa così non solo una scelta di solidarietà personale, ma anche il sogno di una vita serena e senza paure.

&nbsp;
<h2>Un piccolo gesto semplice da compiere…e a costo zero</h2>
<strong>Il 5 per mille è la quota del proprio IRPEF </strong>(Imposta sul reddito delle persone fisiche) che ogni cittadino della Repubblica italiana percepente un reddito <strong>può destinare ad associazioni e Onlus che si occupano di cause benefiche sul territorio della Repubblica e ne mondo</strong>. <strong>Non costituisce un costo aggiuntivo</strong> in termini di imposte per il contribuente, in quanto è un re-indirizzamento di imposte che quest’ultimo deve già versare allo Stato.

<strong>Destinare il proprio 5 per mille è una procedura molto semplice</strong>: scegliendo tra le diverse associazioni e Onlus presenti sull’elenco dell’Agenzia delle Entrate, basta <strong>compilare l’apposito riquadro sul modulo della dichiarazione dei redditi, indicando il codice fiscale dell’associazione scelta</strong>. Qualora non si indichi un associazione specifica, ma solo la categoria, il proprio 5 per mille verrà ripartito equamente tra tutti gli enti appartenenti a quella categoria. Se, invece, il contribuente non indica né associazione, né categoria, allora il 5 per mille andrà allo Stato come parte delle imposte originali.
<h2>Una vasta scelta di associazioni a cui destinare il 5 per mille</h2>
Per sapere a quale associazione è possibile dare il proprio 5 per mille, basta <strong>visitare il sito dell’Ufficio delle Entrate</strong> e cercare nella sezione apposita l’elenco degli enti interessati. Essi, si possono dividere per diverse categorie, in particolare:
<ol>
<li><strong>Associazioni di volontariato e altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale </strong>come le coop sociali, associazioni di promozione sociale e associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’articolo 10, comma 1, lettera a), del DL n. 460 del 1997;</li>
<li><strong>Enti di ricerca scientifica e dell’università</strong>;</li>
<li><strong>Enti di ricerca sanitaria</strong>;</li>
<li><strong>Associazioni sportive dilettantistiche</strong> riconosciute ai fini sportivi dal CONI a norma di legge;</li>
<li><strong>Attività sociali svolte dal comune di residenza del contribuente</strong>;</li>
<li><strong>Enti “esercenti attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici”</strong>.</li>
</ol>


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Le biciclette di Banca Interprovinciale per le associazioni di Reggio Emilia

Pochi giorni e Banca Interprovinciale riparte con le consegne delle bici.
Sabato 24 febbraio 2018, infatti, nella recentemente inaugurata filiale di Reggio Emilia, l'Istituto di credito omaggerà, come ormai da tradizione, la celebre bicicletta verde, simbolo della filosofia di lavoro della banca, alle realtà associazionistiche e di volontariato del proprio territorio.
Una nuova importante dimostrazione del sostegno al Terzo Settore, che da sempre [...]

Continua a leggere

Successo inatteso per la cena di beneficenza Banca Interprovinciale - Rock No War

Saranno due, e non uno come preannunciato, i parchi giochi realizzati con i fondi raccolti durante l'evento

La solidarietà non si ferma mai e questo Banca Interprovinciale e Rock No War lo sanno bene.
Questa volta però, la sua forza ha superato le attese.
È pari a 204.000 euro il risultato incredibile della raccolta fondi della cena di beneficenza 2017.
Un successo tale che ha permesso di ampliare il progetto per il Centro Italia, che è stato colpito dal terremoto dello scorso anno: saranno non uno, ma ben due i parchi giochi finanziati e donati alle p [...]

Continua a leggere

Cremazione, l’opinione del Papa

Qual è l'opinione del papa, e della chiesa in generale, su questo delicato argomento?

Quello sulla cremazione dei defunti è sempre stato un dibattito aperto: inizialmente, infatti, la chiesa non accettava tale gesto.
Oggi, quello che è il pensiero del Papa e della congregazione vaticana in generale è diverso.
La cremazione a Roma, così come nel resto d’Italia, infatti, non è contraria alla fede, però la dispersione delle ceneri non è permessa.
Non bisogna disperdere le ceneri nell’aria E ciò, come riporta l’istruzione dell’ex Sant [...]

Continua a leggere