Cucina > Cibi

Una festa di compleanno dolcissima

Quando si tratta di organizzare feste di compleanno per i bambini, o anche per i più grandicelli come ad esempio per feste di diciott’anni o di laurea, può capitare di restare a corto di idee.
Col passare degli anni, infatti, il rischio di ripetersi è alto e spespuò risultare difficile pensare a qualcosa di originale, specie se già si è organizzata la festa al cinema, sul tram in movimento, con i clown, al parco giochi, la festa a tema in maschera, eccetera eccetera.


Tradizione americana


Qualcosa che potrebbe mettere d’accordo proprio tutti sono i dolci, specie se non si tratta di quelli tradizionali. Una bella idea potrebbe pertanto essere quella di festeggiare in una pasticceria american style, o meglio, in una bakery.
Si tratta di locali, ormai diffusi un po’ ovunque, in cui è possibile essere catapultati in un’atmosfera davvero particolare, quasi fiabesca.
Si è infatti circondati da ogni sorta di prelibatezze: dolci di ogni genere, buoni e soprattutto belli da vedere. È possibile assaggiare torte altissime, dai cremosi strati colorati, come ad esempio la red velvet, bianca e rossa. Oppure si possono gustare delle cheese cake dalle piú varie farciture alla frutta o alle creme, o ancora dei pancakes al miele, allo sciroppo d’acero o alla frutta fresca e panna. Un’altra chicca sono i muffin e i cupcakes: dolcetti monoporzione che si possono preparare in tantissimi modi e che, con le loro farciture colorate e fantasiose, mettono subito di buonumore.
Inoltre, nelle pasticcerie piú fornite, possibile assaggiare anche delle torte frutto del cake design, come va tanto di moda oggi. Si tratta di dolci che sono delle vere e proprie opere d’arte: con le loro forme e decorazioni realizzate con pasta di zucchero e glassa colorata, sembrano quasi finte, tanto che dispiace mangiarle.
Un altro dolce made in usa che puó trovarsi in queste bakeries è l’apple pie, la torta di mele. La preparazione originale americana prevede un impastp ripieno di mele e solitamente si serve calda con una pallina di gelato alla crema.
Se poi i dolci non dovessero bastare, nelle bakeries sarà possibile bere degli ottimi e abbondanti milkshakes, ossia dei cremosi frullati dai gusti piú vari.
Di certo, quindi, una merenda in una pasticceria americana puó essere la giusta soluzione sia che voi abbiate affittato una sala per feste bambini Roma oppure un locale per festeggiare una laurea a Milano per esempio. L'unica cosa certa è che sarà una festa dolcissima.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il rito del brunch

Il brunch è una moda sempre più presente nella cultura italiana, già a partire da qualche anno.

E’ un rito riservato al week-end, quando lontani dalle preoccupazioni della settimana lavorativa, ci si concedono ritmi più rilassati alzandosi più tardi e consumando un pasto unico a mattinata inoltrata che sazia fino alla cena.
  Le origini e la diffusione del nuovo pasto Il termine brunch è un neologismo che deriva dalla fusione delle parole inglesi breakfast e lunch, ovvero colazione e pranzo.
Le radici concettuali del termine risalgono alla [...]

Continua a leggere

Un viaggio fra i sapori della Sardegna

La Sardegna è un’isola ricca di storia e cultura.

Chi ha avuto la fortuna di conoscere questa terra spettacolare ricca di paesaggi mozzafiato, sa anche che la Sardegna offre una quantità di piatti e bevande eccellenti.
Andiamo a scoprire alcuni dei cibi più gustosi e rinomati della tradizione sarda: La fregola, che in sardo vuol dire mollica di pane, è una pasta secca a forma di palline.
Si può condire in molti modi, ma sicuramente la ricetta migliore è quella con le telline e lo zafferano che s [...]

Continua a leggere

Spaghetti cacio e pepe

Origini ed evoluzione di una ricetta senza tempo

La nascita della ricetta degli spaghetti cacio e pepe affonda nella tradizione contadina e pastorale della campagna romana, quando i pastori impegnati nella transumanza usavano portarsi dietro dei semplici ingredienti a lunga conservazione e fonte di energia per ristorarsi e riscaldarsi dopo una lunga giornata di cammino con il bestiame.
Assieme a carbonara, gricia e amatriciana costituisce i primi piatti tipici della gastronomia romana, passando [...]

Continua a leggere