Economia e Lavoro > Finanza

Valute digitali, UE e Fisco italiano non sono d'accordo su come tassarle

La legge italiana è ancora molto lacunosa riguardo al trattamento fiscale delle crypto-plusvalenze

Quando il mondo della finanza apre a nuovi strumenti, anche il Fisco si muove per capire se e come applicare imposte e tasse. Non c'è dubbio che nell'ultimo anno mezzo, l'elemento nuovo nel panorama finanziario siano state le valute digitali. Ma se uno decidesse di investire in quest ambito e ottenesse un guadagno, va tassato?

Le "non" valute digitali

Bisogna sottolineare subito che il quadro normativo in Italia è zeppo di lacune e incertezze, principalmente proprio sotto l'aspetto fiscale. Per capirne di più va quindi anzitutto compresa la natura stessa delle valute digitali. Sebbene si parli di valute, in realtà non lo sono affatto. Infatti non vengono emesse da una banca centrale e non sono sottoposte a forme di controllo o di vigilanza pubbliche. Ma soprattutto non hanno corso legale né valore liberatorio. In pratica nessuno è tenuto ad accettarle come mezo di pagamento (cosa che invece avviene con l'euro). Le criptovalute o valute digitali, quindi, non possano essere assimilate alle valute a corso legale, e da questo dovrebbero discendere una serie di conseguenze sul piano dell’applicazione della normativa fiscale.

L'orientamento del Fisco italiano

Ma in realtà il Fisco italiano si è mosso nella direzione opposta. Infatti tramite due atti interpretativi ha stabilito che le valute virtuali, ai fini fiscali, sarebbero da assimilare a valute estere. Per cui il privato che matura dei guadagni sulle loro cessioni, dovrebbe pagarci le tasse come “redditi diversi” (se frutto di contratti a termine e se detenute per più di 7 giorni sul proprio conto per un controvalore medio superiore a € 51.645,69). In questo caso l’entità della plusvalenza andrebbe calcolata tenendo conto delle quotazioni sulle principali piattaforme web di scambio e conversione. Peraltro c'è pure un ulteriore aspetto da evidenziare. Se le criptovalute sono detenute su conti presso piattaforme estere, bisogna dichiararle nel “quadro RW” della dichiarazione dei redditi, pena l’applicazione di sanzioni salate e la presunzione che le somme siano frutto di evasione fiscale.

Il contrasto con la UE

Il problema è che ciasciuno di questi aspetti, è incoerente se non in aperto contrasto con quanto dichiara la UE. Ma come spesso accade in Italia, il problema viene scaricato sul contribuente (e dei professionisti chiamati a dare assistenza fiscale). E non è un problema marginale, perché sono davvero tantissimi quelli che fanno trading con i bitcoin in Italia. Vero è che l'investitori potrebbe tranquillizzzarsi per il fatto che ciò che dice l'Agenzia delle Entrate non è legge, ma in realtà anche se rappresenta solo il suo orientamento, è ragionavole pensare che verrà seguito dai suoi uffici in sede di eventuali verifiche.

Le tre alternative

Si hanno quindi tre strade di fronte: seguire ciò che dice il Fisco e sobbarcarsi tutte le conseguenze, benché discutibili. Oppure può ignorarlo, sapenvo che è possibile subire accertamenti e sanzioni, preparandosi a ricorrere al Giudice tributario per ottenerne l’annullamento. La terza è una via di mezzo: adeguarsi alle indicazioni dell’Agenzia delle entrate, pagando anche quei tributi che potrebbero non essere dovuti, e fare poi richiesta di rimborso circostanziata e motivata sui principi stabiliti dalla Corte UE, ed eventualmente anche ricorrere alla Commissione tributaria.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Risparmio gestito, l'Italia conferma un trend in crescita

Nel primo trimestre del 2019 la raccolta ha toccato nuovo massimo storico a 2.161 miliardi

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori, ma se si presenta l'occasione di investire preferiscono affidarsi ai professionisti del settore.
E' questo il quadro che emerge dall'ultima indagine di Assogestioni, che ha evidenziato un nuovo record assoluto di raccolta per il risparmio gestito.
Risparmio gestito, gli ultimi report Secondo gli ultimi dati infatti, alla fine del mese di marzo il risparmio gestito italiano è giunto a 2.161 miliardi di [...]

Continua a leggere

La piattaforma cloud - L’innovazione che porta commercialista e cliente in un solo gestionale

La piattaforma cloud commercialista è la soluzione gestionale che mette in condivisione i dati tra l’azienda e il commercialista – Sai come funziona?

Con la piattaforma cloud commercialista rivoluzioni il tuo rapporto con il commercialista, perché ti consente di dedicare maggior tempo al tuo business e lasciare al commercialista tutte le noie amministrative L’obbligo della fatturazione elettronica ha dato l’avvio ad un’opera di aggiornamento di tutta l’attività contabile dell’impresa e, con la piattaforma in cloud, puoi fare un ulteriore balzo in avanti, perché la piattaforma in cloud consente [...]

Continua a leggere

Oro di Banca di Italia, Come Sono State Accumulate le Riserve Auree Italiane

Le riserve d'oro italiane ammontano a circa 2450 tonnellate di lingotti d'oro, una quantità che pone l'italia ad essere il quarto paese al mondo per quantità d'oro

Oro di Bankitalia, alla fine della seconda guerra mondiale poteva contare solo su poche decine di tonnellate di lingotti, una quantità che toccò i minimi storici a causa delle spese dello sforzo bellico e di alcune confische che i tedeschi fecero dopo la firma dell'armistizio.
Da questo si evince che la stragrande maggioranza delle attuali 2450 tonnellate di oro sono state accumulate dal dopoguerra ad oggi.
Nell'attuale situazione in cui versa l' [...]

Continua a leggere