Economia e Lavoro > Finanza

Victor Argonov: 3 Strategie vincenti per tradare le opzioni su Bitcoin

A una settimana dal lancio delle opzioni Bitcoin di CME, l’analista di EXANTE, Victor Argonov,  illustra le tre strategie vincenti sul trading di questo strumento.

 

  • Covered Call: permette di guadagnare sulla vendita di opzioni call. Ad esempio, se si dispone di 1 BTC per fare trading e credete che il BTC salirà da $8.600 a $10.000, allora vendete un'opzione call con uno strike price di $10.000 e un premio di $100. Ora, quello che succede al tasso o l’effettivo acquisto di Bitcoin diventa irrilevante - avete già fatto $100. Questo lo rende un'ottima copertura.

 

  • Put-write: consente di trarre profitto dalla vendita di opzioni put. Ad esempio, se si acquista 1 BTC per $8.000, ma ne costa $8.600, si vende un'opzione put con uno strike di 8.000 dollari al prezzo di 100 dollari. Proprio come nella Covered Call, si effettuano i $100, a prescindere dal fatto che si acquisti al tasso desiderato o meno. 

 

  • Protective Put: vi protegge dal calo dei prezzi delle attività sottostanti. Acquistate 1 BTC a $8.600 e una corrispondente opzione put con lo stesso strike. Se il prezzo BTC sale - guadagnate la differenza, se scende - vi liberate del BTC per il prezzo di acquisto iniziale di $8.600.

 

Queste strategie hanno i loro punti deboli, ad esempio, Covered Call non vi assicura dal crash dell'asset - questa strategia è una scelta intelligente per i possessori a lungo termine. Per la Protective Put invece, anche quando il tasso è stabile,  drenerà lentamente il denaro dal vostro conto, questo è il costo della protezione dei vostri beni. In uno scenario positivo però, queste strategie possono permettervi di guadagnare più di quanto fareste sui mercati spot.


Analizzando i volumi delle opzioni Bitcoin negoziate sul Chicago Mercantile Exchange vediamo che vi è stato un sostanziale aumento durante la prima settimana dal lancio. Il 13 gennaio, il volume giornaliero di trading ammontava a 275 BTC (2,1 milioni di dollari) e al 17 gennaio, era quasi raddoppiato a 610 BTC (5,3 milioni di dollari). Il 17 gennaio l’interesse pubblico ammontava a 1.1095 BTC (9,5 milioni di dollari). Questi numeri sono molto più alti degli spettacoli di Bakkt che ha lanciato le opzioni Bitcoin in precedenza, il 9 dicembre, e non ha ancora raggiunto la pietra miliare dei 2 milioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Debito (ancora) per finanziare la ripresa: per l'Italia la ricetta è già scritta

Non bastasse l'enorme debito che già grava sul bilancio del Paese, l'emergenza pandemia ci costringerà a farne altro

Già prima che scoppiasse l'emergenza coronavirus in tutta la sua gravità, l'economia italiana aveva i suoi grossi problemi.
Con la pandemia le cose sono peggiorate, e ci aspetta una durissima recessione.
Il modo con cui il Paese prova ad affrontarl, è l'unico disponibile: fare debito.
L'Italia e il ricorso al debito Sia chiaro, non sarà una prerogativa dell'Italia.
Tutti i paesi dovranno indebitarsi per finanziare la ripresa.
Quello che però preo [...]

Continua a leggere

Economia, cicli e la lezione che dovremo imparare dalla crisi da pandemia

La diffusione del coronavirus ha fatto da innesco, ma la situazione grave dei mercati covava già da tempo

La vita economica di un Paese si muove secondo cicli, che durante la fase di espansione sono virtuosi, ma prima o poi imboccano la via dell'avvitamento su se stessi.
Come una macchina che corre avanti ma poi dopo rallenta e mette la marcia indietro.
Il coronavirus ha reso questo processo di ritirata molto più rapido, più accelerato.
Dopo una corsa spedita negli ultimi anni, ha fatto tirare il freno a mano bruciando le gomme e sballottando i passe [...]

Continua a leggere

Consulenti finanziari costretti a cambiare ruolo per i clienti: più psicologi che esperti

Il panico da coronavirus ha imposto un necessario cambiamento nell'approccio con il risparmiatore

La crisi innescata dal coronavirus ha portato i consulenti finanziari ad una diversa interpretazione del proprio ruolo.
Mai prima d'ora avevano dovuto svolgere le funzioni di veri e propri psicologi rispetto ai propri clienti.
Questo vale sia per gli indipendenti che per quelli al servizo di banche e grandi istituzioni finanziarie.
Una veste nuova per i consulenti finanziari Bisogna considerare la base di partenza di questa nuova necessità.
I ris [...]

Continua a leggere