Cucina > Vini

Vini italiani

Tradizione e qualità

Sin dall’antichità, l’uomo ha dimostrato di apprezzare le qualità dei vini pregiati, rendendolo assoluto simbolo del buon bere e di convivialità. Se in epoche remote era considerato come una bevanda accessibile solo ai nobili, esclusiva e prestigiosa, oggi il vino non viene consumato soltanto in tavola, ma anche durante gli aperitivi e le feste per accompagnare formaggi o stuzzichini.

Il vino come fattore di aggregazione

È tranquillamente possibile affermare che oggi il vino rappresenti un fattore di aggregazione importante, forse il più importante in assoluto, capace di creare l’atmosfera e stimolare al tempo stesso le papille gustative di chi è ben in grado di riconoscere e apprezzare il buon vino, quello che viene vinificato con metodi naturali e che preserva tutti gli aromi ed i sapori che lo caratterizzano. Che si tratti di una cena in casa o di un evento particolare, un aperitivo tra amici o un cocktail improvvisato, bere un buon bicchiere di vino solleva l’animo e scalda il cuore, rallegrando lo spirito dei commensali favorendo al tempo stesso la conversazione.

Abbinare il giusto vino alle pietanze

Abbinare il giusto vino alle pietanze che portiamo in tavola può non essere semplice, considerata l’ampia varietà della produzione italiana e le varie tipologie di primi, secondi e contorni di cui la nostra tradizione culinaria è fiera protagonista. Ad ogni modo esistono alcune regole basilari da seguire per non rischiare di sbagliare abbinamento, tra queste quella più importante da tenere sempre a mente è che si ottengono abbinamenti più gradevoli quando il vino ha caratteristiche contrastanti quelle del cibo.

Vini Pregiati in Italia

L’Italia è notoriamente una delle più importanti produttrici di vini pregiati, grazie alla qualità e caratteristiche del territorio. I vini toscani soprattutto sono particolarmente apprezzati dagli intenditori, e tra questi meritano certamente una menzione “Per Elisa” e “Orofino”, rispettivamente un rosso e un bianco prodotti dall’azienda agricola Rabitti a Suvareto (LI). Due vini prodotti in zona, vinificati con metodi naturali, che raccolgono tutti i profumi ed i sapori di questa fertile e meravigliosa terra che è la Toscana.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paesaggio vitivinicolo del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato

Il paesaggio vitivinicolo del Piemonte Langhe-Roero e Monferrato è stato riconosciuto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.
Si tratta di un’area che include sei località situate tra l’Appennino ligure e il fiume Po.
La prima è la Langa del Barolo, conosciuta per i terreni favorevoli alla coltivazione del vitigno Nebbiolo, da cui viene prodotto il vino rosso Barolo.
La seconda località è il luogo dove si trova il castello di Grinzane Cavour, che fu [...]

Continua a leggere

Vini Biologici

Vini biologici del Veneto

Considerato come uno dei maggiori paesi nel mondo produttori di vino, l'Italia è anche uno dei consumatori più importanti di vino biologico, verso cui si è rivolta di recente l'attenzione del consumatore.
La forte richiesta di un vino prodotto in maniera assolutamente naturale ha condotto moltissime aziende a seguire questa strada con risultati molto soddisfacenti.
Infatti, negli ultimi anni la vendita del vino biologico è notevolmente aumentata, [...]

Continua a leggere

Caraffe da vino “giovani” per il Novello

Esalta il primo frutto della vendemmia con le caraffe Ypsilon Multicolor

Nell’attesa di poter assaggiare il vino ottenuto dalla vendemmia 2015 si può allietare il proprio palato grazie ai novelli che vengono prodotti più o meno in tutte le zone viticole del nostro paese.
La particolarità di queste specialità enologiche è la tecnica produttiva che si basa sulla cosiddetta macerazione carbonica, che permette di ottenere rapidamente un vino dal sapore fresco e dal colore tipicamente rosso rubino.
Per ottenere il vino nov [...]

Continua a leggere