Casa > Arredamento

Voglio una piscina in giardino. Che permessi mi servono?

L'iter legislativo per progettare una piscina

Negli ultimi anni il mercato degli impianti natatori si è ampliato verso tecnologie e soluzioni sempre più facili e abbordabili, sdoganando l'idea che le piscine private siano uno status symbol riservato solo ai ceti sociali più agiati.

Questo non vuol dire però che costruire una piscina sia una cosa facile e immediata, o almeno non sempre. E' necessario infatti seguire un vero e proprio iter fatto in primis di permessi e procedure, e infine di scelte tra diversi sistemi costruttivi, tecnologie e costi, per cui è fondamentale rivolgersi ad aziende specializzate e fidate, come ad esempio l'altoatesina Polyfaser.

Ma vediamo intanto di chiarirci le idee per quanto riguarda la parte legislativa e i permessi da cui partire per realizzare il sogno di una piscina tutta per noi.

E' da tener presente, innanzitutto, che a legiferare in materia di permessi per piscine private, sono direttamente le regioni o i singoli comuni, per cui non esiste un'unica regolamentazione valida per tutta Italia.

Per questo è sempre bene rivolgersi all'ufficio tecnico per l'edilizia del Comune di residenza per accertarsi che non vi siano vincoli ambientali particolari sul proprio terreno o determinati parametri a cui attenenersi nella costruzione (forma, posizione, ecc.).

Detto questo, gli step fondamentali, in sintesi, sono i seguenti:

  • autorizzazione edilizia : è un permesso da richiedere al Comune, solo nel caso sia espressamente richiesto dalla normativa regionale.
    (Nella maggior parte dei casi se le opere sono conformi al piano regolatore e alle norme urbanistiche e igienico-sanitarie - conformi alle procedure previste per la DIA - non è più necessaria. Tuttavia alcuni regolamenti edilizi comunali la prevedono ancora, quindi è bene informarsi presso il proprio Comune).
  • DIA – Dichiarazione di inizio attività: si tratta di documenti prestampati (reperibili in Comune) da compilare nel caso in cui la piscina in progetto sia considerata pertinenziale all'edificio principale (e non intervento di nuova costruzione) e non ne superi il 20% del volume. Deve essere firmata da un professionista iscritto all'albo e consegnata allo sportello Unico per l'edilizia del Comune di residenza. Trascorsi 30 giorni, in mancanza di altra comunicazione da parte del Comune, sarà possibile procedere coi lavori.
  • Permesso di costruire: alternativo al DIA, è il permesso da richiedere quando l'opera che si vuol costruire non è legata ad un altro immobile oppure se supera il 20% del volume dell'edificio principale. Può essere necessario anche nel caso di particolari vincoli paesaggistici o ambientali.

Risolta questa parte burocratica, che in un Paese come l'Italia solitamente è la più ostica, arriva la parte più divertente, fatta di scelte tra diverse tipologie (piscina in vetroresina o cemento? Con skimmer o a sfioro?), forme (rettangolare classica o a fagiolo?), rivestimenti (gres o mosaico?),  accessori (panca idromassaggio? Trampolino?), e tutte le altre variabili possibili e immaginabili.

A questo punto date libero sfogo ai vostri progetti...e buona nuotata!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come scegliere l’arredamento funzionale per l’ufficio

L'arredamento per l'ufficio deve essere funzionale al lavoro da svolgere e favorire una collocazione ordinata e pratica dei volumi, del materiale cartaceo e delle macchine per l'ufficio.
Un layout ordinato e funzionale Ordine e funzionalità sono spesso due concetti che possono andare d'accordo in maniera armoniosa e orientata a favorire un lavoro organizzato e pratico.
Pur rispettando le norme vigenti in materia, è possibile disporre gli arredi i [...]

Continua a leggere

Pulire e Manutenere il Materasso: 3 Step Fondamentali

La pulizia del materasso anche se è difficile è estremamente importante per noi e per tutta la nostra famiglia perchè sappiamo che sul materasso dovremo trascorrere dalle 7 alle 8 ore ogni giorno.
Mantenere il proprio materasso pulito per evitare soprattutto che gli acari della polvere o le cellule morte della pelle possano comunque sia dare noie dopo lungo tempo e quindi super consigliabile e questo eviterà nel lungo periodo della nascita di muf [...]

Continua a leggere

Quanto conta la marcatura CE sulle persiane blindate?

Le persiane blindate, in quanto serramenti, necessitano di essere marcate: cosa ci dice la marcatura a proposito di esse?     Nell’acquisto delle persiane blindate, come in quello di ogni altro serramento, tendiamo sempre a cercare una conferma della loro capacità di difendere la nostra casa.
E questa conferma la si trova sotto forma di certificati e della marcatura CE.
Ma cosa ci dicono esattamente questi riconoscimenti riguardo ai prodotti che [...]

Continua a leggere