News e media > Radio e TV

X Factor 2015, storia di un successo annunciato

E' appena andata in archivio l'edizione 2015 di X Factor, il reality show canoro del canale pay Sky Uno, che è già tempo di bilanci. Ed il piatto ride notevolmente in casa Sky. Questa edizione appena conclusa infatti è stata quella della decisiva consacrazione per il talent, capace di oscurare la visibilità dell'ormai bollito Grande Fratello in onda nello stesso su Canale 5 , nonostante il non trascurabile particolare che la diretta di X Factor sia andata in onda, ad eccezione della finale visibile anche su Cielo, sulla piattaforma a pagamento di Ski. La finale di questa nona edizione ha fatto registrare il 10% di share con più di due milioni di telespettatori incollati davanti ai teleschermi. Un target prettamente giovanile che è oro colato per gli inserzionisti pubblicitari. Una spia che segna il gran successo è il fatto che il giovedì della finale #XFactorItalia sia risultato l'argomento con più tweet non solo nel nostro paese, ma nel mondo intero. Un dato questo che, anche se da noi non viene preso molto in considerazione, negli Usa è il parametro che segna il successo o un fallimento di un programma.

Format consolidato

Tre conferme ed una novità tra i giudici di questa nona edizione. Al trio maschile Elio,tornato dopo un anno di pausa, Mika e Fedez è stata aggiunta un'artista di fama internazionale come Skin, leader degli Skunk Anansie, che si è subito calata perfettamente nel ruolo e nel contesto. Bella conferma come uno dei conduttori di sicuro assicurato avvenire per Alessandro Catellann mentre, nonostante le polemiche iniziali di chi la tacciava di essere una raccomandata, alla fine critica e pubblico hanno anche Aurora Ramazzotti, padrona di casa della striscia daily del programma. In questi tre mesi sono stati tantissimi i gruppi e gli artisti che hanno partecipato prima alle selezioni e poi alle varie fasi del programma.

La finale

La vittoria finale se la sono giocata il pugliese Giosada, cantante di indiscusse doti canore, ed il giovane duo degli Urban Strangers che magari prima potevi ascoltare giusto in qualche festa di 18 anni a Roma, magari organizzata da un'agenzia importante di eventi come Capitaleventi, e che invece ora hanno avuto un palcoscenico per far conoscere il loro talento. Alla fine la vittoria è andata a Giosada, che nel televoto finale ha ottenuto il 53% dei consensi, ribaltando le precedenti votazioni che vedevano in testa invece gli Urban Strangers. Comunque sia l'augurio a tutti questi artisti è che possano ripetere il successo ottenuto da altri cantanti usciti fuori da X Factor come Giusi Ferreri, Noemi e Marco Mengoni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il micro auricolare per comunicare

Questi piccoli dispositivi sono leggeri e perfetti per parlare e ascoltare. Moltissimi presentatori televisivi hanno microauricolari nell'orecchio.

Attori di teatro, presentatori televisivi, studenti, detectives, etc.
tutti usano questi piccoli dispositivi.
Il suo utilizzo da parte degli studenti è molto comune.
Copiare non è più come prima, oggi è diventato così sofisticato da sembrare prorpio di un agente 007.
Orologi, lettori mp3, penne con microfoni integrati e micro auricolari hanno preso il posto dei minuscoli bigliettini che si nascondevano sotto la calcolatrice.
I negozi online come [...]

Continua a leggere

Che cos’è la Brand Awareness e come si misura

La brand awareness è un valore immateriale di qualunque azienda o marchio. Cos'è e come migliorarla attraverso la digital Pr.

La Brand Awareness - o notorietà di marca - è uno dei due parametri (l’altro è la Brand Image) che costituiscono la Brand Knowledge dell’azienda, ovvero la conoscenza di marca.
Si tratta di un parametro di tipo quantitativo (sebbene le strumentazioni e le metodologie di calcolo non possono essere considerate oggettivabili) che calcola la capacità di un marchio di essere associato a un bisogno specifico espresso dagli utenti.
Come migliorare la Br [...]

Continua a leggere

Riina Jr da Vespa, Rai imbarazzata

Nel mondo della televisione probabilmente esistono due sole regole : non vestirsi mai di viola e di fare contenuti che, in un modo o nell'altro, facciano parlare di se.
L'oggetto della discussione ora probabilmente riguarda questo secondo aspetto, con le polemiche scaturite dall'ospitata di Riina Jr nella trasmissione di Rai Uno Porta a Porta.
Il figlio del famoso boss mafioso infatti è stato ospite dal salotto televisivo di Bruno Vespa, ormai da [...]

Continua a leggere