Economia e Lavoro > Finanza

Zucchero dolce al palato, ma quanto è amaro il suo mercato

Prezzi in profondo rosso per il dolcificante più famoso al mondo. Colpa dell'eccesso di offerta

Tra le tantissime commodity sulle quali gli investitori tengono i fari accesi, l'attenzione negli ultimi tempi è molto focalizzata sullo zucchero. I prezzi del dolcificante più noto al mondo stanno sprofondando, schiacciati da un’offerta ingente, che squilibra il mercato.

Mercato squilibrato verso l'offerta

Sul mercato delle commodities, i futures sullo zucchero bianco sono in calo per il settimo mese consecutivo. Ormai i prezzi si stanno avvicinando con veemenza verso i minimi toccati nel 2008, ovvero quando scoppiò l'ultima grande crisi. L’eccesso di offerta globale si sta manifestando ormai da diversi anni, e la compressione sui prezzi ha spinto molti produttori fuori dal mercato. In tanti sono infatti stati costretti a chiudere i propri zuccherifici tagliando, di conseguenza, anche numerosi posti di lavoro. Anche i coltivatori di barbabietola e canna da zucchero hanno ridotto le piantagioni, giacché convengono sempre meno.

Lo zucchero in arrivo dal Brasile

Il calo delle quotazioni è innescato anche dalla debolezza della valuta brasiliana, il Real (si vedano qui le previsioni cambio real brasiliano). La svalutazione della moneta sudamericana infatti favorisce le esportazioni del Brasile, produttore chiave nel mercato dello zucchero. Inoltre i nuovi accordi commerciali tra USA e Messico potrebbero innescare nuovi aumenti della fornitura, senza dimenticare il peso che potrebbero avere i sussidi alle esportazioni concessi in India.

Speculatori in fermento

In questo stato di crisi, gli speculatori sono in forte attività. Le puntate short sono salite a dei livelli che raramente si sono viste prima d'ora. Cresce anche l’open interest, il che conferma che le posizioni ribassiste potrebbero ancora aumentare. Non stupisce allora che nel corso del mese di agosto lo zucchero bianco ha perso il 6,3%, scivolando a circa 300 dollari a tonnellata sulla piazza di Londra, mentre. Lo zucchero grezzo invece ha perso l’8,4% per attestarsi di poco sopra gli 11 dollari a New York.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere